Come funziona una lavastoviglie? Guida completa passo per passo, video

1
2
3
4
5
Beko DFN05311W lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+
Beko DFN05311S lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+
Indesit DSIE 2B10 lavastoviglie A scomparsa totale 10 coperti A+
Electrolux Lavastoviglie EEA 17100 L - Lavastoviglie da 60cm, 13 coperti, classe A+ a Scomparsa...
Candy CDCP 6/E-S Mini Lavastoviglie, 438 x 550 x 500 mm, Argento
Beko DFN05311W lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+
Beko DFN05311S lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+
Indesit DSIE 2B10 lavastoviglie A scomparsa totale 10 coperti A+
Electrolux Lavastoviglie EEA 17100 L - Lavastoviglie da 60cm, 13 coperti, classe A+ a Scomparsa...
Candy CDCP 6/E-S Mini Lavastoviglie, 438 x 550 x 500 mm, Argento
9.2/10
9/10
9/10
9/10
8.8/10
Beko
Beko
Indesit
Electrolux
Candy
Bestseller No. 31
Beko DFN05311W lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+
Beko DFN05311W lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+
Classe Energetica: A+Profondit: 60 cmN. Coperti: 13
9.2/10
OffertaBestseller No. 32
Beko DFN05311S lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+
Beko DFN05311S lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+
Beko DFN05311S Portata: autonoma.Colore della porta: argento.Dimensioni del prodotto: dimensione massima (60 cm). Numero di posate: 13 posti.
9.0/10
Bestseller No. 33
Indesit DSIE 2B10 lavastoviglie A scomparsa totale 10 coperti A+
Indesit DSIE 2B10 lavastoviglie A scomparsa totale 10 coperti A+
Classe Energetica: A+Profondit: 55.5 cmN. Coperti: 10
9.0/10
OffertaBestseller No. 34
Electrolux Lavastoviglie EEA 17100 L - Lavastoviglie da 60cm, 13 coperti, classe A+ a Scomparsa...
Electrolux Lavastoviglie EEA 17100 L - Lavastoviglie da 60cm, 13 coperti, classe A+ a Scomparsa...
9.0/10
OffertaBestseller No. 35
Candy CDCP 6/E-S Mini Lavastoviglie, 438 x 550 x 500 mm, Argento
Candy CDCP 6/E-S Mini Lavastoviglie, 438 x 550 x 500 mm, Argento
8.8/10

In questa guida vedremo come funziona una lavastoviglie, passo dopo passo. Chi è andato a vivere da solo da poco, oppure in coppia, probabilmente si trova nella necessità di far funzionare per la prima volta un elettrodomestico di questo tipo,  e non sa bene come iniziare. Invero la lavastoviglie è una gran comodità che facilita molto la vita domestica, ed è davvero semplicissima da utilizzare, e richiede solo un po’ di accortezza dal punto di vista della manutenzione. Qui di seguito spiegheremo in parole semplici il meccanismo di funzionamento di una lavastoviglie, i passaggi che comportano il lavaggio e l’asciugatura di piatti, posate, bicchieri e le altre stoviglie inserite negli appositi spazi dentro l’apparecchio.

Le componenti principali

Prima di vedere in dettaglio come funziona una lavastoviglie, è bene partire dalle componenti principali dell’elettrodomestico, che nel suo corpo interno prevede tre parti essenziali:

  • Elemento riscaldante
  • Pompa
  • Bracci irroratori

Il primo è la resistenza in metallo, il cui scopo è convertire l’energia elettrica in energia termica consentendo di riscaldare l’acqua fino alla temperatura desiderata. Successivamente entra in azione la pompa, che ha la duplice funzione di alimentare i getti d’acqua interni necessari per la pulizia delle stoviglie, e di permettere il transito dell’acqua durante la procedura di scarico. Il tutto avviene tramite apposite valvole che si aprono e chiudono tramite un programma per spingere l’acqua nella giusta direzione. Infine abbiamo i bracci che irradiano l’acqua sulle stoviglie, cavi al loro interno per consentire il transito dell’acqua e della soluzione detergente, la cui rotazione dipende appunto dalla forza esercitata dalla pompa in azione.

Le fasi operative di una lavastoviglie

Ciò che dobbiamo fare noi è molto semplice, carichiamo nella macchina le stoviglie sporche, impostiamo un programma, e al resto ci pensa lei, la nostra amica lavastoviglie. Ma come funziona? Ecco in sintesi le 7 fasi operative dell’elettrodomestico:

  • Incameramento dell’acqua
  • Riscaldamento
  • Aggiunta detersivo
  • Lavaggio delle stoviglie
  • Scarico dell’acqua sporca
  • Risciacquo
  • Scarico del secondo ciclo di acqua

Prima del lavaggio

Prima della fase di lavaggio vero e proprio, nella lavastoviglie avviene il passaggio dell’acqua dalla rete idrica che va a riempire un’apposita vasca, generalmente posizionata sul fondo dell’elettrodomestico. Oltre alla connessione idrica è importante ovviamente anche quella elettrica, giacché il secondo passaggio

prevede appunto che per mezzo si una resistenza elettrica l’acqua presente nella vasca viene portata alla temperatura programmata: in quel momento lo sportellino del detersivo si apre e il prodotto si miscela all’acqua formando la miscela igienizzante che da inizio alla fase di lavaggio vera e propria.

Lavaggio e risciacquo

Il momento topico è arrivato: la soluzione detergente viene trasportata all’interno dei bracci irroratori che, in virtù della pressione di pompaggio esercitata, ruotano e irradiano l’acqua con la potenza necessaria per raggiungere tutte le stoviglie. L’acqua sporca viene poi scaricata attraverso un’apposita pompa.

L’azione della lavastoviglie non si esaurisce qui. L’acqua viene nuovamente riscaldata ma adesso viene irrorata senza l’aggiunta di detersivo allo scopo di eliminare qualsiasi residuo di sporco ed eventuali tracce di soluzione detergente ancora presenti sulle stoviglie. Infine avviene lo scarico di questo secondo ciclo d’acqua che completa la fase di pulizia e asciugatura delle stoviglie.

Come funziona la lavastoviglie: un video

Qui di seguito vi mostriamo un semplice video tutorial su come funziona la lavastoviglie e come effettuare anche una corretta manutenzione

L’importanza della manutenzione

Se accendere e impostare il programma non richiede certo grandi sforzi, è importante invece eseguire una corretta manutenzione per consentire una lunga durata di vita dell’elettrodomestico. Questo vuol dire curare le parti più delicate e soggette a problematiche della lavastoviglie. La pulizia riguarda soprattutto:

  • Il filtro
  • L’elemento riscaldante
  • Gli erogatori

I residui di cibo e il calcare possono infatti ostacolare il passaggio dello sporco limitando la funzionalità della lavastoviglie: ecco perché è consigliabile pulire il filtro almeno una volta alla settimana, dieci giorni al massimo. Anche la resistenza, essendo a contatto diretto e costante con l’acqua, può essere soggetta ad un accumulo eccessivo di calcare, così come gli ugelli dei bracci erogatori possono rimanere intasati da resti di cibo, grasso e altra sporcizia.  Per pulire il filtro della lavastoviglie come prima cosa bisogna staccare dalla presa elettrica la macchina, smontare il cestello e, una volta trovato il filtro, smontare anche questo e passarlo sotto l’acqua corrente assicurandosi che tutti i fori del filtro siano liberi e non intasati. In presenza di incrostazioni è sufficiente usare un vecchio spazzolino da denti per pulirlo e rimuovere residui di cibo.

Tra le operazioni di pulizia consigliate dagli esperti in materia c’è ad esempio un semplice risciacquo a vuoto con una soluzione di acqua e bicarbonato, oppure limone o ancora aceto, che oltretutto aiuta anche a eliminare i cattivi odori. Operazione che si può fare una volta al mese senza problemi. Controllare periodicamente la presenza di calcare e, in caso risultino delle zone particolarmente incrostate, bisogna pulire utilizzando un panno bagnato di aceto di vino bianco puro.

Come usare la lavastoviglie

Le lavastoviglie moderne presentano al loro interno diversi programmi di pulizia che ci consentono di scegliere in base al tipo di sporco o al materiale delle stoviglie quale programma è più adatto, o addirittura, nei modelli più sofisticati, fa tutto l’apparecchio in automatico. Tuttavia per usare al meglio la lavastoviglie e ridurre i consumi ecco alcuni accorgimenti che si possono utilizzare:

  • Usare la lavastoviglie sempre a pieno carico
  • Utilizzare il ciclo breve solo nel caso di stoviglie poco sporche, non unte né incrostate
  • Nei limiti del possibile evitare il ciclo in ammollo per eliminare i residui di cibo nelle stoviglie
  • Il ciclo energico ad alta temperatura va scelto con moderazione, solo in caso di stoviglie unte e incrostate
  • Scegliere programmi a bassa temperatura, più lunghi ma con minore consumo di energia
  • Utilizzare l’elettrodomestico a ora tarda dopo il tramonto

Sono editor e giornalista pubblicista, mi piace condividere la passione per la tecnologia e strumenti di uso quotidiano con altri utenti del web

Classifica dei Migliori Prodotti

1 Beko DFN05311W lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+

Beko DFN05311W lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+

  • Classe Energetica: A+
  • Profondit: 60 cm
  • N. Coperti: 13
2 Beko DFN05311S lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+

Beko DFN05311S lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+

  • Beko DFN05311S Portata: autonoma.
  • Colore della porta: argento.
  • Dimensioni del prodotto: dimensione massima (60 cm). Numero di posate: 13 posti.
3 Indesit DSIE 2B10 lavastoviglie A scomparsa totale 10 coperti A+

Indesit DSIE 2B10 lavastoviglie A scomparsa totale 10 coperti A+

  • Classe Energetica: A+
  • Profondit: 55.5 cm
  • N. Coperti: 10
4 Electrolux Lavastoviglie EEA 17100 L - Lavastoviglie da 60cm, 13 coperti, classe A+ a Scomparsa...

Electrolux Lavastoviglie EEA 17100 L - Lavastoviglie da 60cm, 13 coperti, classe A+ a Scomparsa...

  • Asciugatura tre volte migliore con airdry; la nuova tecnologia airdry si serve del flusso d'aria...
  • Facile installazione con perfectfit; grazie alle cerniere scorrevoli perfectfit,...
5 Candy CDCP 6/E-S Mini Lavastoviglie, 438 x 550 x 500 mm, Argento

Candy CDCP 6/E-S Mini Lavastoviglie, 438 x 550 x 500 mm, Argento

  • Lavastoviglie da tavolo 6 coperti
  • 6 programmi, display LED
  • Dimensioni (AxLxP) 438 x 550 x 500 mm
Back to top
Apri Menu
migliorelavastoviglie.it